Cucchiaio d’argento

cucchiaio d'argento

Cucchiaio d’argento

DOP Lambrusco Grasparossa di Castelvetro “Lacrime di Bosco” secco – La Piana s.a.

Ho passato anni a comprare dischi e libri per la copertina che avevano, figurati se non mi importa dell’etichetta. Quasi subito ho scoperto che la copertina dell’albo in vinile o della brossura era un ottimo motivo per comprare, ma non sufficiente per una buona opera. A volte i Product Manager sono più bravi degli artisti.

Ecco, se vedessi sullo scaffale questo Lacrime, tra nome ed etichetta, duro fatica a pensare che la mano si allungherebbe a ghermire il flacone, nonostante l’allettante cartellino.

Eppure è un’ingiustiza. Perchè questo accidenti di Grasparossa è buono. Fomenta un colore profondo, di sangue venoso, impervio alla luce. Scatena una spuma entusiasta, generosa ad esplodere e svelta a ritirarsi, senza riminiscenze birrose.

Ha naso nerissimo, maschio ma pulito. Sa di cantine e di ghiaia, senza arrotolarsi attorno a grevure estreme. Sa di frutti neri, di inchiostro di biro, sottile ma diritto.

L’assaggi e ti sorprende con un tannino deciso, rustico ma non duro. Grasparossa 85% con un saldo – antico – di Fortana ha spinta e rotondità, e una stoffa rugosa che non lascia niente di inesplorato nel sorso, lasciando il palato contuso e trattato molto a lungo anche dopo il termine. Tutte le vibrazioni acide restano lì appese, esplicite.

Una bella sorpresona, per un bicchiere sospeso tra la coltivazione bio, la ricerca della solfitazione minimale e la fermentazione charmat.

di Stefano Caffarri – 08.10.2012          

VOTO: 7.5

SITO INTERNET:http:/www.cucchiaio.it/bere/dop-lambrusco-grasparossa-di-castelvetro-lacrime-di-bosco-la-piana-s-a/

Cucchiaio d’argentoultima modifica: 2017-02-16T18:46:38+00:00 da defeudis